MELEGNANO NOIR - 24-26 GIUGNO 2010

BUSCARINI ROBERTO

VENERDÌ – ORE 18 ROBERTO MUSCARINI – SPAZI CREATIVI MUSICARTE

Roberto Buscarini

Sono nato nel 1948, sotto il segno del Leone, a Vimercate, provincia di Milano, allora zona depressa, ora sede di multinazionali.

Fino a dieci anni ho vissuto in campagna, seguito da mia nonna, l’unica che rimaneva a casa, i miei genitori si alzavano la mattina presto per andare in fabbrica a Milano e ritornavano la sera tardi, sabato compreso.

Il trasferimento a Milano è stato traumatico, sia per me sia per mia nonna, lei se n’è andata a vivere in Riviera di Ponente, io l’ho seguita. I miei genitori si sono convinti dopo l’intervento di uno psicologo che ha spiegato loro come possa essere drammatico spezzare quel legame affettivo unico che avevo con mia nonna, tra l’altro di quarant’anni più grande di me.

Mi sono diplomato senza infamia e senza lode.

Negli anni settanta ho praticato automobilismo sportivo, gare di velocità in pista e in salita (vedere su Autosprint dell’epoca le mie vittorie.)

Negli stessi anni mi sono sposato con una ragazza siciliana, matrimonio d’amore.

Dopo la nascita di mia figlia nel 77, ho smesso di fare a sportellate e ho girato per il Mediterraneo in barca a vela, sfruttando la mia patente nautica oltre sei miglia, spesso con famiglia al seguito.

Intanto mi sono laureato in Scienze Politiche a indirizzo economico.

Negli anni ottanta mi sono guadagnato da vivere lavorando per una grossa società italiana di costruzioni, con l’incarico di avviare i cantieri all’estero Sono stato mandato in missione in Giordania, Algeria, Grecia, Iran, Iraq e Nigeria.

Nel 91 mi sono separato di fatto, mantenendo ottimi rapporti con mia moglie, che tra l’altro giuridicamente lo è ancora, e con mia figlia che ora è medico specializzato in Chirurgia Plastica Ricostruttiva, così come il marito.

Da allora convivo, i cattolici direbbero nel peccato, con la mia attuale compagna.

Con lei negli anni novanta abbiamo girato quasi tutta l’America Latina.

Scrivo in maniera indipendente, nessuno si è mezzo tra me e i miei libri, come si dice, me la canto e me la suono, non ho alle spalle una casa editrice importante, un’agenzia letteraria, non ho seguito corsi di scrittura.

Nei miei libri non ci sono trucchi o furberie che possano attrarre artificialmente l’attenzione del lettore, ho idee molto chiare, non estremiste, e amo confrontarmi con chi ne ha di diverse. Chi non ne ha, parta dalle mie e ci pensi.

Di quanto contenuto nei miei romanzi sono responsabile al cento per cento. Non bevo alcolici, non fumo (sigarette o altro), bevo solo due caffè al giorno. Lo stereotipo dello scrittore che scrive con posacenere pieno, la bottiglia di vino sulla scrivania e le tazzine di caffè vuote non fa per me. Io sono sempre lucido e nel pieno delle mie facoltà fisiche e intellettuali.

Annunci

2 commenti »

  1. Ma chi sei veramente?

    Una tua collega

    Commento di M. teresa — 16 giugno 2010 @ 09:17

  2. …chissà qual’è la tua vera verità e identità.
    Leggendo queste note, non puoi che esser tu…un collega, a tal punto sconosciuto…ma “conosciuto” da oltre 10 anni.
    Cristina

    Commento di Cry — 16 giugno 2010 @ 09:19


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: